Discussione:
A proposito del furore agonistico.
(troppo vecchio per rispondere)
Steve
2017-12-22 16:39:47 UTC
Permalink
È bene ricordarsi che Il cosiddetto "furore agonistico", tanto richiesto oggi da Mr Ballardini, era il marchio di fabbrica del primo Genoa targato Juric.

Quel furore agonistico,venne stroncato da una tale raffica di ammonizioni arbitrali ripetute diverse delle quali assurde ed incomprensibili: avrebbero stroncato un bisonte.

Essendo l'aggressività il cuore ed il motore stesso del gioco di Juric, e finendo i giocatori per non esser più in grado di distinguere il confine tra il fallo dal gioco aggressivo, ecco via via il clamoroso calo collettivo.

Stroncati da uno stillicidio arbitrale per me quasi senza precedenti, ecco giocatori insicuri, indecisi e continuamente secondi sulla palla.

Se in principio l'aggressività della squadra di Juric aveva pochissimi cali, con una tenuta atletica impressionante anche verso la fine della gara, dopo di tutto ciò, l'aggressività si contava su soli venti minuti, di solito ad inizio gara.

A far crollare definitivamente l'assetto dello scorso anno, fu la cessione di Rincon; cioè l'uomo più aggressivo, quindi insostituibile, nello scacchiere di Ivan.

Lo stesso andazzo si è poi ripetuto quest'anno. La mancanza di una voce autorevole che protestasse contro i numerosi arbitraggi scandalosi che subimmo..ha poi perpetuato il tutto.

Il credo dell'aggredire di Ivan, s'è poi tramutato in una confusione generale e trasversale cosicché l'aggredire divenne evitare.

Non certo delle dichiarazioni pre partita, post-partita che, spesso, arrivarono a fare a pugni con la realtà..
Liaigh
2017-12-22 18:39:58 UTC
Permalink
Post by Steve
Stroncati da uno stillicidio arbitrale per me quasi senza precedenti, ecco giocatori insicuri, indecisi e continuamente secondi sulla palla.
Io tutto questo l'ho visto sicuramente di più nella gestione Gasperini,
anche per il merito del palazzo a cui Preziosi era molto inviso per i
ben noti motivi riconducibili al ripescaggio.
Quest'anno Paletta, a Luglio, disse pubblicamente che nel Genoa non
sarebbe venuto perchè, col suo gioco, con la maglia rossoblu sempre nel
mirino avrebbe giocato la metà delle partite.
Devo rilevare altresì che tanti di quegli errori il Gasperini 2.0 ora li
ha affinati, ma in quegli anni eravamo la squadra di gran lunga con più
cartellini in Italia; io stesso feci una classifica del rapporto gialli
comminati/falli commessi che era francamente impietoso nei confronti di
una classe arbitrale asservita al palazzo in maniera imbarazzante.
--
Saluti

Liaigh
www.druidi.it

"Se qualcosa può andar male lo farà"
(Quel gran portasfiga di Murphy)
andy capp
2017-12-23 11:15:27 UTC
Permalink
Post by Steve
È bene ricordarsi che Il cosiddetto "furore agonistico", tanto richiesto oggi da Mr Ballardini, era il marchio di fabbrica del primo Genoa targato Juric.
Qualunque squadra lotti per salvarsi, non eccellendo in tecnica, deve per forza
fare del 'furore agonistico' la sua arma vincente.
Tutte le squadre piccole prendono più cartellini gialli e rossi di quelle di
vertice, semplicemente perchè 'menano' di più, poi è ovvio che c'è anche una
notevole sudditanza della classe arbitrale, che evita a gente come Bonucci di
prendersi almeno un'ammonizione a partita.
Post by Steve
A far crollare definitivamente l'assetto dello scorso anno, fu la cessione di Rincon; cioè l'uomo più aggressivo, quindi insostituibile, nello scacchiere di Ivan.
Rincon non ha i piedi fini, ma è uno che si fa sentire dai compagni, quindi di
fatto gestiva il pressing. La sua cessione è stata un'immensa cazzata dovuta
esclusivamente al non voler perdere una plusvalenza, senza pensare alle
conseguenze tecnico-tattiche che avrebbe avuto la squadra.

Loading...